Il Progetto educativo

Il progetto educativo è il risultato di una riflessione che parte dall’idea di bambino come soggetto libero e competente e protagonista attivo.

Esso si declina nelle aree generali di sviluppo del bambino stesso:

Percezione di sé e del proprio corpo:
Riconoscersi davanti allo specchio, esporre fotografie in cui i bambini si possano rivedere, proporre libricini personali del bambino e della propria famiglia, lasciare la traccia, saltare, proporre giochi  di movimento e di equilibrio,ecc.

La relazione tra pari e con l’educatrice
Condividere i momenti del pranzo e della merenda, condividere spazi e materiali, imparare ad attendere il proprio turno, misurarsi con l’altro, instaurare una relazione calda e significativa con la propria educatrice di riferimento, ecc.

Sviluppo del linguaggio
Raccontare storie, cantare canzoni, incoraggiare la produzione linguistica del bambino,verbalizzare le azioni dell’adulto, conversare su fatti avvenuti e vissuti dal bambino (memoria), ecc.

Conoscenza del mondo circostante
Giocare con materiale strutturato e non strutturato, giocare con l’acqua, stare all’aperto, favorire l’uso spontaneo di proposte educative in vassoio, al fine di sviluppare operazioni pre logiche come separare, ordinare, discriminare, impilare, incastrare, corrispondere. Manipolare materiali differenti (ad es. farina, granaglie), ecc.

Sviluppo dell’autonomia
Libero movimento negli spazi, libera scelta dei materiali di gioco, riordino, imparare a vestirsi e spogliarsi, apparecchiatura, versare l’acqua dalla brocca, l’uso dei bicchieri di vetro, ecc.

Avviso: i link sottostanti potrebbero non essere tutti attivi e/o aggiornati